Per avere ulteriori
informazioni
o per
segnalazioni,

Contattaci
La Storia
1 2 3 4
TELE CENTE Il 1° settembre 1982 nel Comune di Paluzza, in provincia di Udine, nel caratteristico vicolo di San Giacomo al numero civico 2 nasce TELE CENTE. Nata dalla passione e dalla sperimentazione di Battista Muser e dallo spirito avventuriero di Pieralberto Morassi, l’emittente si propone fin da subito di promuovere, valorizzare e divulgare prevalentemente avvenimenti artistico-culturali carnici quali riti tipici religiosi, notiziari in lingua italiana, friulana e timavese, manifestazioni artistiche e sportive, sagre, feste, mostre, inaugurazioni, spettacoli teatrali, nonché documentazione filmata delle attività e delle assemblee comunali locali e della Comunità Montana dalla Carnia. Dalle 19.00 alle 24.00 sul canale uhf 25 si apre una finestra sulla Carnia che inizialmente potranno vedere solamente gli abitanti del Comune di Paluzza. Il direttore responsabile di questa emittente televisiva è Toni Martini. Fra i primi collaboratori troviamo: Alberto Morassi, Emidio Zanier, Barbara Zanier, Monsignor Mario Monaco. Il palinsesto propone la rubrica religiosa “RESTA CON NOI SIGNORE... SI FA SERA” a cura di Monsignor Mario Monaco; un tg in diretta curato da Alberto Morassi e da Emidio Zanier; il programma sportivo “TUTTOSPORT”; “IN DIRETTA CON…” incontro settimanale con i politici locali e un NOTIZIARIO realizzato da Luca Corraduzza, che il sabato e la domenica viene proposto in lingua friulana. NASCE TELEALTOBÛT Nata come televisione di comunità curata e coordinata da un gruppo di volontari del paese, nella seconda metà degli anni '80 l’emittente estende il
proprio bacino d’utenza su tutto il territorio dell’alto Bût, Paluzza, Cercivento, Ravascletto, Sutrio, Zuglio, Arta Terme e Imponzo-Cadunea di Tolmezzo, irradiando i suoi programmi anche dai canali uhf 29, 30, 42, 68 e 69, oltre che dal vhf H").  Nasce così TeleAltoBût la televisione al servizio dei comuni attraversati dal fiume Bût. Con l'inizio degli anni '90 l'emittente inizia a trasmettere programmi quasi totalmente in lingua friulana, realizzando così, grazie alle leggi di tutela delle minoranze linguistiche, programmi televisivi che hanno permesso all'emittente di sostenersi dal punto di vista economico. Si realizzati anche programmi informativi in lingua timavese, variante del bavarese, parlato a Timau, piccolo paese del comune di Paluzza. Vengono prodotti programmi legati alla cultura e alle tradizioni locali, nonché approfondimenti su manifestazioni di paese e feste patronali.  Fra i programmi in palinsesto ricordiamo: “IN FILE” a cura di Adriano Cattelan, che presenta gli avvenimenti della settimana; “INCONTRO CON…” a cura di Onofrio Paparella (si tratta di una presentazione degli scrittori locali con letture, commento critico del libro e vita dell'autore); “NOTIZIARIO TGTAB” notizie e avvenimenti curati da Luca Coraduzza; “NOTIZIARI PAR FURLAN” a cura di Adele Toffolo; “PREVISIONI DEL TEMPO” a cura dell'Arpa presentate da Daniela Muser; “CALCIO LOCALE” (cronaca di Luciano Englaro, riprese di Roberto Guidetti); “LADINIS DAL FRIULI” (spazio di information e culture in te nestre leng puartat indenant in
studi da Renzo Balzan). L'emittente effettua un collegamento con TeleRadioPio per il Rosario. Il 5 luglio 1992 l’allora Sindaco di Paluzza Alfredo Matiz conferisce un attestato di benemeranza a TeleAltoBût per aver contribuito alla realizzazione del monumento a Maria Plozner Mentil e a tutte le portatrici carniche. TELEALTOBÛT DIVENTA UN’ASSOCIAZIONE Il 15 gennaio 2000 TeleAltoBût si trasforma in un’Associazione apolitica e senza fini di lucro iscritta alla Camera del Commercio ottenendo la concessione per le trasmissioni a livello provinciale. L’emittente allarga il suo bacino d’utenza arrivando a servire anche Lovea, Cabia, Paularo e parte di Tolmezzo. Nell’archivio oltre 2000 documenti-testimonianze frutto di 24 anni di lavoro. Con il documentario “Mistîrs di une volte”, il 2 dicembre 2006, l’emittente TeleAltoBût riceve il premio per la miglior regia al concorso nazionale “Piccoli comuni”, organizzato da Regione e CoReCom dell’Umbria.  Nel 2009 l’organizzazione di Musica Amica, ringrazia TeleAltoBût con una targhetta per aver collaborato attivamente alla riuscita delle varie edizioni. L'attuale palinsesto di TeleAltoBût propone programmi di attualità, dando largo spazio all'informazione, ai dibattiti e alle tavole rotonde. Nell'arco della settimana si affrontano tematiche culturali grazie al teatro in lingua friulana e ai documentari sulle tradizioni della vallata o sulle manifestazioni di paese. Grazie alla partnership con alcune emittenti satellitari vengono irradiati altri programmi non autoprodotti e di carattere generalista. Nel
2008 fra i programmi in palinsesto ritroviamo: “NOTIZIARI”, tg di informazione di carattere bisettimanale curato da Oscar Puntel, che dal mese di settembre verrà affiancato da Nicole De Conti in onda la domenica alle 20:30 e in replica il lunedì, “CUINTRE CJARGNE”, programma culturale bisettimanale condotto da Renzo Balzan in onda la domenica alle 21:00; “TEATRI PAR FURLAN” in onda il mercoledì alle 20:00; “VUEI SIN CUN…” programma culturale condotto da Emanuele Plazzotta in onda il giovedì alle 20:30; Ampio spazio viene dato anche ai documentari sulle tradizioni, sulla storia locale e manifestazioni di paese che vengono approfondite con interviste ai protagonisti.   TELEALTOBÛT SBARCA SUL DIGITALE. Il 15 dicembre 2010 TeleAltoBût spegne il suo segnale analogico e accende il digitale sul canale 16. Inizia una nuova sfida per il nostro Tite che nonostante le tante difficolta porta avanti la sua missione e con la forza che l’aveva portato a creare tutto questo nel lontano 1982 decide di non chiudere la sua creatura perché: “TELEALTOBÛT AL VEN PRIME DI DUT!!!”
1 2 3 4